vogliamo riconoscere all'arte il SUO potere trasformativo e catartico che permette uno sguardo più ampio nei rapporti inevitabili tra essere umano, natura e civiltà.

vogliamo restituire all'individuo il potere e la responsabilita' di lasciare meglio di come ha trovato.

crediamo nell'esigenza artistica come parte integrante dell' essere umano -consapevole o meno- che questa sia anche l'unico elemento necessario e autentico per avviare la ricerca. al contrario TROVIAMO CHE tecnica formale, professionismo e utilità, siano elementi secondari e opinabili. 

consegniamo al processo di ricerca il potere di ristabilire nuovi significati muovendosi in un territorio di mezzo che non è ancora arte ma che potrebbe diventarlo.

scegliamo che la pratica di ricerca possa accogliere tutti gli sviluppi possibili anche quelli improbabili, e che la forma di condivisione e il suo spazio siano peculiari e congruenti all'opera stessa. 

non possediamo un modo ma lo fondiamo ogni volta.

sentiamo il bisogno di recuperare e costituire forme rituali di ricerca e condivisione legate al presente, che collochino al centro l'incontro quanto l'opera. 

 

desideriamo formare comunità più o meno temporanee, che nascano dalle relazioni tra persone che con differenti percorsi e inclinazioni, nutrano e condividano sensibilità e intenti. 

 

 

MANIFESTO

home

Alaska è resa possibile, ogni volta, dall'incontro di persone che, con differenti percorsi e declinazioni, nutrono e condividono sensibilità e intenti della pratica, garantendone l'assetto flessibile e comunitario.

ALASKA CREDE

_che l'individualità della persona, il suo mondo immaginifico ed emotivo, le sue abilità ma anche l’imperfezione, la parte mancante siano tutti oggetti da sottoporre al processo creativo in quanto attributi unici che costituiscono il patrimonio ‘materiale’ dell’artista.

_che l'esigenza artistica sia parte integrante dell'essere umano, sia esso più o meno consapevole, e che questo sia anche l’unico elemento necessario e autentico per avviare la ricerca, e che, al contrario, tecnica formale e utilità, siano elementi secondari e opinabili.